ENGLISH VERSION INSIDE DOWN

“Art’s Angels”

Asta di beneficenza artistica

Premessa

Il progetto “Art’s Angels” ideato e promosso dall’artista di fama internazionale Maupal con Associazione Domna e Associazione Jeos, e con il supporto di Fondazione Pangea Onlus, FSCIRE Fondazione per le Scienze Religiose FAIRTRADE ITALIA e il collettivo artistico Darehood, ha l’obiettivo di offrire possibilità, creare e alimentare valore e bellezza in un momento storico di grande incertezza e disorientamento, tramite un’asta di beneficenza per le donne che vivono una condizione di violenza.

L’arte e la creatività, per natura linguaggi espressivi del “possibile”, sono gli strumenti scelti dal progetto per sostenere una realtà che si impegna quotidianamente e da anni a favore del benessere delle donne e in particolare quelle che si trovano in difficoltà e intraprendono percorsi per cambiare in meglio le proprie vite.

Sono state invitate direttamente alcune artiste i cui nomi saranno svelati nei prossimi giorni e verrà proposta una call indirizzata ad altre artiste, per la realizzazione e donazione di 75 opere uniche.

Con le opere selezionate, sarà realizzata un’asta di beneficenza online allo scopo di raccogliere fondi da destinare a Fondazione Pangea Onlus, da anni attiva nel supporto di progetti per l’empowerment delle donne che vivono diverse situazioni di disagio socio-economico e per vittime di violenza domestica e di discriminazioni, in Italia e all’estero.

L’iniziativa intende sostenere e promuovere le donne e il loro empowerment.

Gli obiettivi dell’asta di beneficenza sono:

  • promuovere il linguaggio dell’arte come strumento di miglioramento sociale e nello specifico dell’empowerment delle donne;
  • dare un aiuto economico concreto alle donne abusate o discriminate, che dopo un percorso di “cura” e rinascita cominciano una nuova vita;
  • dar modo a tutto il pubblico di approfondire le conoscenze e gli strumenti sul tema affrontato;
  • sviluppare una rete di confronto e dialogo intorno alla tematica proposta;
  • stimolare la riflessione sul ruolo sociale, politico, economico delle donne;
  • offrire esperienze formative, di incontro e scambio a livello locale, nazionale e internazionale;

Perché il titolo “Art’s Angels”

Nella famosa serie tv degli anni ’70 “Charlie’s Angels”, Charlie è il mecenate che rimanendo dietro alle quinte combatte il crimine lasciando la scena alle vere protagoniste ovvero le bravissime e rivoluzionarie investigatrici professioniste chiamate “angeli”. In questa iniziativa l’Arte si fa persona e angelo essa stessa e le vere protagoniste sono le artiste, più o meno conosciute, con le quali Charlie/Maupal condividerà il “palcoscenico” per sostenere concretamente l’obiettivo di questa iniziativa, ovvero contrastare attraverso l’arte le discriminazioni e la violenza sulle donne e sostenere percorsi di empowerment, nella consapevolezza che per realizzare una trasformazione culturale che permette di eliminare violenza e disparità basate sul genere, in Italia come nel mondo, serve l’impegno di tutti gli esseri umani.

Nella serie tv si affrontavano per la prima volta questioni importanti e per il tempo “innovative” come le condizioni delle donne lavoratrici e i crimini connessi con ambienti di lavoro sessisti, la messa in discussione della donna come oggetto sessuale, i crimini di violenza contro le donne, lo sfruttamento e la violenza mentale e fisica sulle prostitute, lo stalking. D’altra parte si proponevano finalmente temi positivi e di empowerment: la solidarietà al femminile, la forza e il coraggio delle donne, la capacità delle donne in professioni ritenute tipicamente maschili, l’autonomia femminile.

Anche quando i critici ai tempi ritennero ancora troppo deboli questi argomenti, il pubblico dimostrò invece di comprenderne appieno i significati visto il grandissimo successo trasversale di pubblico di ogni genere e tipologia. Questo il messaggio che vorremmo passasse: le discriminazioni e le violenze basate sul genere vanno combattute, così come l’empowerment e il cambiamento vanno valorizzati. Entrambi i processi appartengono a tutti noi esseri umani: donne, uomini, transgender e gender free.

ENGLISH VERSION

“Art’s Angels”

Art Charity Auction

Foreword

The “Art’s Angels” project is promoted by internationally know artist Maupal together with non- profit organizations Associazione Domna e Associazione Jeos, with the support of non-profit organization Fondazione Pangea Onlus, FSCIRE Fondazione per le Scienze Religiose, FAIRTRADE ITALIA and artist collective Darehood, with the aim of giving opportunities, create and foster human value in an historic moment of huge uncertainty, through an art charity auction to help women living a violence condition.

Art and creativity are by nature the language of “possible” and are the tools chosen by this project to support a non-profit organization which is committed every day to women’s well-being and even more for those in need who are beginning paths to change their lives for the better.

Some of the artists – whose names will be revealed in the next few days – have been invited directly and there will be a call for others so to create and donate 75 unique artworks for a charity auction that will take place the second week of June 2020.

The charity auction donations will go to Fondazione Pangea Onlus, operating since many years in supporting projects for the empowerment of women who are living difficult social-economic situations and helping women who are victims of violence and discrimination, both in Italy and abroad.

The initiative aims to support and promote women and their empowerment.

The objectives of the charity auction are:

  • promoting the language of art as a tool for social improvement and specifically women’s empowerment;
  • give concrete financial help to abused or discriminated women, who after a path of “cure” and rebirth begin a new life;
  • give way to all the public to deepen their knowledge and tools on the topic addressed;
  • develop a network of comparison and dialogue around the proposed theme;
  • stimulate reflection on the social, political and economic role of women;
  • offer training, meeting and exchange experiences at local, national and international level;

Why the title “Art’s Angels”

In the famous 70s’ tv series “Charlie’s Angels”, Charlie is the patron who, while staying behind the scenes, leaves the stage to the real protagonists, the smart and revolutionary – for the time – professionals known as “angels”. In this project Art becomes a person and an angel, too, and the real protagonists are the women artists whom Maupal/Charlie is going to share the stage with to tangibly share the goal of this event that is to fight abuses and discriminations against women through art and to support women empowerment paths, being aware that to succeed in a cultural change that will allow the cancellation of gender discriminations and violence we need the commitment of all human beings.

The tv series confronted important, thorny and for the time ground-breaking matters like women’s work conditions and crimes connected with sexist job places, debating about women as sexual objects, violence and hate crimes against women, prostitution and its exploitation, harassment and stalking. On the other side positive and empowerment themes were finally faced: women’s solidarity, the strength and courage of women, women’s great performances in jobs considered as typical of men, women’s independence, gender politics, feminism, women workers conditions.

Even where critics found these arguments still too weak, the public of all genders and ages proved to deeply understand their meanings also when hidden and widely appreciated the program.

Discrimination and gender violence must be tackled as much as empowerment and change shall be enhanced. Both processes belong to all of us human beings: women, men, transgenders and gender free.